Comune di Atena Lucana

Domenica 28 Maggio 2017

Il sentiero

mappa-percorso.jpgIl nome: Tra storia e leggenda
La storia trae origini da Arechi II il quale, avendo sposato Adelperga, figlia del re dei Longobardi Desiderio e sorella della più famosa Ermengarda andata in sposa a Carlo Magno, stabilì a Salerno la sua residenza principale, facendo erigere un palazzo per sè e la sua corte, rinnovando le vie d'accesso alla città e fortificandone le mura. Ad Arechi II successero i figli: Grimoaldo III, Sicone, Sicardo e Siconolfo, che dopo una lunga e cruenta serie di battaglie contro Radelchi, aspirante anch’esso a divenire Principe di Benevento, firmò con questi un trattato di pace e di spartizione del Regno dando vita al Principato autonomo di Salerno, comprendente la gran parte della Campania, i gastaldati di Acerenza (per la media parte), di Latiniano, di Laos, di Lucania e di Conza, mentre solo la restante parte del gastaldato di Acerenza, la regione del Vulture, rimaneva nel Principato di Benevento.  Ancora una volta divisa, nel corso del IX sec. la Lucania prestava il fianco agli assalti dei Saraceni, in un contesto di grande miseria. I nuovi principi Longobardi non erano in grado di fronteggiare l'avanzata musulmana, ancorchè dissidi interni ne limitavano ulteriormente la capacità offensiva. Le vicende storiche si incrociano a questo punto con la leggenda che narra come una truppa di Siconolfo che si recava in Lucania riuscisse a sfuggire ad un agguato teso dai Saraceni e li inseguissero lungo le colline di Atena. Lo sparuto gruppo di Saraceni rimasto in vita riuscì a nascondersi nelle grotte, lungo il vallone Arenaccio, facendo perdere le proprie tracce agli inseguitori. Da quell’evento i Saraceni usarono spesso quel percorso e anche se la leggenda non trova riscontri storici precisi, gli anziani del luogo narrano che, durante la seconda guerra mondiale, nell’esplorazione delle grotte usate come rifugio dai bombardamenti, avevano rinvenuto alcune testimonianze che portavano a credere che il passaggio dei Saraceni non fosse solo una leggenda. Gli stessi anziani raccontano come questi sentieri fossero molto usati per spostarsi da una contrada all’altra e, le grotte, luogo di riparo dalla pioggia e di appuntamento per innamorati. 

Come nasce
L’idea nasce dall’Amministrazione capeggiata dal Sindaco Sergio Annunziata d’intesa con il Responsabile del Settore LL.PP. dell’Ente, Ing. Cono Gallo e redatta dal Geom. Filomeno Serritella, profondo conoscitore e amante della montagna. Finanziati dalla Regione Campania nell’ambito del P.S.R. 2007/2013 – Misura 227 – Azione B nel 2011, i lavori venivano iniziati dall’impresa Opsa Costruzioni s.a.s. di Sacco A. e C. nella primavera del 2012 superando numerosi ostacoli dovuti alla vegetazione che, in alcuni tratti, avevano quasi totalmente coperto alcuni tratti del sentiero e, anche dai cinghiali che spesso, di notte, distruggevano ciò che di giorno era stato realizzato. L’idea portante era quella di far conoscere, ad un più vasto pubblico, le bellezze delle nostre colline e le numerose grotte che si trovano lungo il suo percorso che, fino a quel momento erano  note solo agli speleologi che le avevano censite, agli anziani del paese, agli amanti della raccolta degli asparagi  e della caccia.

Caratteristiche
Trattasi di un percorso che presenta tratti in salita e discesa e, elemento importante è percorribile da persone di tutte le età in quanto presenta tre “porte di ingresso” – Atena Scalo (nelle immediate vicinanze dell’uscita autostradale A3) – centro storico (nella piazza principale) –  C.da Colomba (nelle immediate vicinanze dell’uscita della superstrada Fondo Val d’Agri) e da tutti e tre i punti è possibile decidere se effettuare l’intero percorso o solo una parte.  Le grotte sono situate lungo il percorso e sono tutte visitabili. Lungo il sentiero sono dislocati punti di avvistamento (con un po’ di pazienza o fortuna è possibile ammirare il falco lanario in volo, specie protetta, il gheppio e la gazza) e belvedere dai quali ammirare uno spettacolo naturale mozzafiato, i “faraglioni” e alcuni speroni di roccia dalle forme particolari. Alla “porta d’ingresso” di Atena Scalo ampi spazi per il parcheggio, area attrezzata con giochi, tavoli per il picnic, barbecue, bagni, centro informazione e medicheria.  A metà strada, per gli appassionati, una parete attrezzata per le arrampicate sportive.

Download: MAPPA PERCORSO 

Fai click per accedere alla versione accessibile

Loading feeds...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se vuoi saperne di più clicca su approfondisci. Cliccando su "approvo" presti il consenso all’uso di tutti i cookie.